Preview
Click to preview Le Pietre del Colore a Taranto photo book

Non mi è mai capitato di accompagnare qualcuno a visitare “la fabbrica del colore” di Dolci, o di parlare con qualcuno che l’ha visitata, senza notare l’accendersi di un grande sorriso sul volto. Non si tratta di un normale sorriso adulto, ma proprio di quel sorriso antico che solo conosce l’animo bambino: la gioiosa felicità della meraviglia. Sì, perché quando l’occhio comincia a posarsi su un pigmento e poi su un altro e su un altro ancora, è quella stessa gioia, che da sempre prova un bambino davanti ai colori, a risvegliarsi.
I colori sono bellissimi e ci parlano di vita. In fondo ci somigliano. Ci sono colori puri, come ci sono uomini puri. Ci sono colori complementari, così come sono complementari gli esseri umani, sia nell’ amore che nell’agire. Ci sono colori che si cercano e altri che non possono stare vicini, che fanno a pugni, così come ci sono uomini affini e altri che non si sopportano, che confliggono. I colori possono anche combinarsi fra loro e trarre dal loro mescolarsi infinite sfumature. Così è per l’uomo che, quando collabora con altri uomini, può produrre una infinità di cose, realizzare imprese straordinarie e soprattutto sancire sacri legami di amicizia.
Il colore nei secoli è stato anche un grande filo che ha tessuto relazioni fra i popoli, in quanto i pigmenti hanno sempre viaggiato. Taranto in epoca magnogreca era importante per la produzione del rosso porpora ottenuto dalle murici. Un colore nobile e destinato soprattutto al potere civile e religioso. Un pigmento carissimo e destinato solo ai ricchi. Qui nei secoli si è anche diffusa la lavorazione del bisso, la seta del mare, ottenuta da grandi cozze barbute i cui filamenti venivano utilizzati per produrre un preziosissimo tessuto dorato che il mito identifica con il Vello d’oro e la cui lavorazione oggi è pressoché scomparsa, anche per l’alto costo del manufatto. Tuttavia il colore della memoria è rimasto e Cataldo Albano tutto questo ha colto e ha documentato per noi.

byaldo

About the Author

Cataldo Albano PH
byaldo Verona

Nato a Taranto nel 1950. Ha lavorato presso grandi aziende del settore informatico dalla progettazione alle vendite interessandosi parallelamente di comunicazione visiva. Negli ultimi anni ha ripreso la sua passione per la fotografia. Dal 2007 ho seguito, documentando con FotoReport e Filmati Allenamenti, Gare, Competizioni e Contest sportivi nel campo del Windsurf. Nel 2009, fotografo ufficiale nella gare organizzate dall’AIWS, nel 2010 fotografo ufficiale di tutte le gare in calendario del Circolo Surf Torbole e altre gare di Vela e Windsurf del Lago di Garda, Sardegna e Calabria. Su commissione fa servizi fotografici per Atleti nel mondo della Vela, Eventi Teatrali e Convention. Nel 2009 ho esposto con la Prima Personale d’Audiovisivi il Mondo del Windsurf a Torbole e a Castelvecchio a Verona. Nel 2012 e 2013 altre due personali. Oggi partecipa come socio alle attività del Circolo Fotografico Veronese.

Publish Date  September 01, 2013

Dimensions  Standard Landscape  50 pgs   Premium Paper, matte finish

Category  Arts & Photography

Tags  ,

Comments (0)

dal primitivo al negroamaro - Arts & Photography photo book
Published March 19, 2014
100+4 Dolci Colori - Arts & Photography photo book
Published January 27, 2014
Duemilatredici - Fine Art Photography photo book
Published December 08, 2013
OPERA! Gala d'Oro - Entertainment photo book
Published November 15, 2013
Le Pietre del Colore - Arts & Photography photo book
Published May 06, 2013
SA BARRA FREESTYLE CONTEST - Sports & Adventure photo book
Published April 27, 2013
Duemiladodici - Arts & Photography photo book
Published December 09, 2012
Symphonia Gala d'Oro - Entertainment photo book
Published December 03, 2012
View More
Quantity

Blurb Sites

© 2014 Blurb